Arieccomi!

Buon giorno a tutti voi! Come avete trascorso questi giorni di festa? Io ho passato un Natale all'insegna della febbre e dei dolori articolari: un vero peccato dal momento che questa giornata per me e per la mia famiglia è davvero speciale. I bimbi di casa (ben cinque) erano molto dispiaciuti per il fatto che la loro cuginona fosse KO e io...beh ero ancora piu triste di loro! Adoro passare la giornata a farmi massacrare dai miei tesori ma quest'anno putroppo è andata così. Che dire, mi rifarò il prossimo anno! Oggi sto un pochetto meglio ma ci vorranno ancora un paio di giorni prima che possa dire "sono davvero in forma". Vi lascio con un adorabile disegno che ha realizzato per me una mia lettrice (Grazie infinite carissima Pam!) e che vuole sostituire i soliti disegni utilizzati da bloglovin per il link da inserire nel proprio blog. Anche voi siete stufi della solita Tour Eiffel o degli altri disegni standard? Rivolgetevi a Princess Pam presso il negozio online Pam's Blog Design and much more e realizzerà anche per voi un' icona del tutto personalizzata da inserire nei vostri blog.
A presto con un nuovo outfit post!

Hungarian (a lot of) Shopping!


Tornata dall' Ungheria da ormai quattro giorni è ora che vi mostri il mio bottino. Mai e poi mai avrei pensato di fare così tanti acquisti e mai e poi mai avrei pensato che questo viaggio mi avrebbe portata a depennare dalla mia wishlist la maggior parte degli articoli: Una mantella leopardata? C'è New Yorker! Un blazer grigio abbondante e di taglio maschile? Ci pensa Tatwm! Un pellicciotto bianco a pelo lungo (per giunta scontato a dieci euro)? Maggie's London è la soluzione! Una mini satchel bag? Ecco arrivare in soccorso ancora una volta il mitico New Yorker!
Tutti negozi che in Italia non ho ancora avuto modo di visitare, o perchè non ci sono o perchè troppo lontani (Nathy infatti mi scriveva che New Yorker c'è a Faenza perciò se abitate da quelle parti gambe in spalla e correte a dare un' occhiata!).
La cigliegina sulla torta è poi rappresentata dal fatto che nessuno degli articoli che vedete fotografati è stato pagato a prezzo pieno: saldi saldi e ancora saldi! Ma solo in Italia non sappiamo ancora cosa siano i saldi di Natale? Menomale che io e mamma abbiamo questa tradizione che ogni anno ci porta in viaggio proprio prima delle festività natalizie!


New Yorker Leopard Cape
Tatwm Blazer
H&m long dress

Next Parka

New Look Faux Fur

New Yorker Mini Satchel Bag

Amisu Faux Leather Shorts

Zara Blazer
Some Scarves bought at the craft market

H&m necklace
H&m Shirt

H&m Long Dress

H&m long Skirt
Tatwm black blouse

New Yorker Nacklace

Tatwm Boyfriend Blazer

H&m skirt
H&m shirt

Fourth day in Budapest

Quarto e penultimo giorno a Budapest. Ok adesso piango! Vorrei restare qui ancora, ancora e ancora!!! La nostra giornata è iniziata con una confusa ricerca del quartiere ebraico e della Grande Sinagoga (vogliamo riparlare del fatto che qui tutto ha dimensioni extra?!).

"Come si chiama questa via?"
"Ma boh, sul muro non è scritto"

"
Dai chiediamo a qualcuno"
"Si ma ferma qualcuno che abbia la faccia d
i quello che sa l'inglese"
"Ecco quel ragazzo è perfetto!!"
" Excuse me...."

La Sinagoga di Budapest è tra le più grandi del mondo, seconda solo a quella di New York. Si tratta di un opera bella e suggestiva mentre il museo rappresenta una toccante testimonianza dell' olocausto ungherese, inoltre contiene una ricca collezione di oggetti relativi alle festività ebraiche. Ciò che mi ha maggiormente colpita è stato il salice piangente in argento sul retro che commemora le numerose vittime sterminate dai nazisti: sulle foglie e inciso il nome di ognuna di loro.


Dopo una passeggiata per le vie del quartiere ebraico siamo arrivate al Museo Nazionale ma abbiamo deciso di non entrare e proseguire invece con la nostra passeggiata perchè nessuna delle mostre ci ispirava particolarmente. Rimane comunque una tappa obbligata perchè l'edificio in sè è davvero bellissimo!









Piccolo consiglio tecnico: quando viaggiate in metro tenete ben stretto il biglietto perchè i controlli sono davvero frequenti e i controllori ungheresi sono moooolto fiscali! Per stare tranquilli fate come mia mamma e tenetelo tra i denti!

Third day in Budapest


"Questa mattina avrei proprio voglia di fare colazione con cappuccio e torta di mele"

" Ma dai non è un dolce tipico ungherese!"
" E vabè, con tutti i dolci locali che stiamo mangiando in questi giorni potrò pure staccare un attimino!"

La nostra terza giornata a Budapest è iniziata ancora con un' abbondante colazione da Anna Cafè e subito dopo ci siamo dirette al Grande Mercato Coperto, situato proprio in fondo a Vàci Utca. Costruito nel XIX sec. è un enorme edificio liberty caratterizzato da un meraviglioso tetto in mosaico. Al suo interno ci sono banchi disseminati in tre piani (seminterrato e piano terra gastronomia, primo piano artigianato e ristorazione). Assolutamente incantevole! Dopo circa due ore di frenetici sali-scendi, mamma ed io, cariche di sacchetti come non mai, ci siamo dirette al Ponte della Libertà, appena fuori dal mercato. E' uno dei piu grandi e indubbiamente uno dei più famosi. Inutile dirvi che è davvero suggestivo!










-Vàci Utca-

Finita la mattinata siamo tornate a casa per un pranzetto a base di salsiccie e pasticcio di riso ungherese e un'oretta di riposo. Siamo poi uscite nuovamente dirette alla Basilica di S. Stefano (sotto casa), una chiesa davvero grande e maestosa (un pò tutto lo è in questa città!) e abbiamo avuto la fortuna di assistere alle prove dei canti della notte di Natale! Una cosa pazzesca!
Ultima tappa della giornata è stato il Parlamento, uno dei più grandi al mondo (ve lo dicevo io che qui tutto è davvero maestoso!). Costruito nel 1800 si ispira in maniera evidente a quello inglese ma mantiene una propria individualità. L'ingresso è gratuito per i cittadini dell'Ue, bisogna solo mostrare la propria carta d'identità.